Yahoo Italia Ricerca nel Web

  1. Catalogna - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Catalogna

    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Disambiguazione – Se stai cercando la verdura della famiglia delle cicorie, vedi Catalogna (cicoria).

    • Aragona

      L'Aragona (in spagnolo ed aragonese Aragón, in catalano...

  2. Storia della Catalogna - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Storia_della_Catalogna

    Storia della Catalogna Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Bandiera della Catalogna, nota come senyera L'attuale territorio della Catalogna (in catalano Catalunya, in spagnolo Cataluña e in aranese Catalonha) è stato occupato fin dal Medio Paleolitico.

  3. Comuni della Catalogna - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Comuni_della_Catalogna

    Comuni della Spagna; Andalusia • Aragona • Asturie • Isole Baleari • Isole Canarie • Cantabria • Castiglia-La Mancia • Castiglia e León • Catalogna • Comunità Valenciana • Estremadura • Galizia • La Rioja • Madrid • Murcia • Navarra • Paesi Baschi

  4. Categoria:Catalogna - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Categoria:Catalogna

    Pagine nella categoria "Catalogna". Questa categoria contiene le 23 pagine indicate di seguito, su un totale di 23. Catalogna. Legge di transizione giuridica e costitutiva della Repubblica. Storia della Catalogna.

  5. Catalògna - Wikipedia

    lmo.wikipedia.org › wiki › Catalògna
    • Stòria
    • Politega
    • Giustizia
    • Vos Corelaa

    La Catalogna, dal 718, l'è stada sota 'l controll di arab, ma poeu in del 801 i Carolingg hann liberaa 'l territori. Despoeu, la Corona de Aragona e quella Catalana s'hinn giontaa, anca s'hinn restaa cont i different govern. Quel paes lì el diventa vun di pussee important in Uropa. Finn ai Borbon, la Catalogna l'è restada ligada a la Castija, ma semper assee libera e cont i sò legg. El Re Filipp VI, vist el sostegn catalan ai Asburgh, l'aboliss i istituzion catalan e 'l tra biotta la lengua catalana. In de la Segonda Republega Spagnoeula, la Catalogna l'ha ciapaa de noeuv la sò autonomia, e 'l catalan l'è devegnuu 'ncamò lengua offiziala. El regim franchista, al contrari, l'ha abolii tutt i libertaa del paes, tant de fà ilegal el catalan. In del 1975 i catalan han deciduu de toeu part a la formazion de la democrazia spagnoeula, e la Catalogna l'è stada on motor progressista del Stat spagnoeu.

    Parlament e Govern

    1. El Parlament de Catalunyal'è 'l parlament catalan. El pò avegh da 100 a 150 parlamentar. 2. La Presidència de la Generalitatl'è el president del paes, el gh'ha el poder esecutiv, e l'è el pussee volt reppresentant de la Spagna in Catalogna. 3. El Consell Executiua l'è el governo catalan

    Partii

    I partit catalan hinn: 1. Partit Demòcrata Europeu Català 2. Esquerra Republicana de Catalunya 3. Partit dels Socialistes de Catalunya 4. Partit Popular Català 5. Iniciativa per Catalunya Verds - Esquerra Unida i Alternativa 6. Ciutadans - Partit de la Ciutadania 7. Candidatura d'Unitat Popular Ai elezion del 2012, el parlament l'era componuu inscì: 1. CiU: 50 segg 2. ERC: 21 segg 3. PSC: 20 segg 4. PPC: 19 segg 5. ICV-EUiA: 13 segg 6. C's: 9 segg 7. Candidatura d'Unitat Popular: 3 segg

    Polizia

    In Catalogna, el servizzi de Polizia l'è principalment faa de la Comunidaa: In tutta la Catalògna a gh'è el corp di Mossos d'Esquadra, gestii localment, anca se di voeult la polizia spagnoeula la fa di intervent. A Barcelona a gh'è anca la Guardia Urbana. I Parch e i zonn naturai de la Generalitat a hinn protegiuu del Cos d'Agents Rurals.

    Tribunai

    La giustizia l'è per la pupart gestida del Stat, l'orghen pussee volt in la Comunidaa a l'è el Tribunal Superior de Justícia de Catalunya. La reforma del Statut del 2006 l'avaria faa del TSJC la massima istanza di process catalan, reforma poeu s'cepada del Tribunal Costituzional spagnoeu.

  6. Parlamento della Catalogna - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Parlamento_della_Catalogna

    Rappresenta il popolo della Catalogna. Esercita potestà legislativa, approva il Bilancio della Generalitat de Catalunya e controlla e propone l'azione politica e di governo.

    • Commissioni
    • Catalogna
  7. Battaglia di Catalogna - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Battaglia_di_Catalogna
    • Contesto
    • Fazioni
    • La Battaglia
    • Conseguenze
    • Bibliografia

    Dopo la sconfitta nella battaglia dell'Ebro, l'Esercito Popolare Repubblicano aveva subito gravi perdite, da cui non si sarebbe più ristabilito. Le unità avevano perso molti dei loro armamenti e delle truppe più esperte. Inoltre, nell'ottobre 1938, il governo repubblicano aveva accettato di ritirare i volontari delle Brigate internazionali, mentre sull'altro fronte, i nazionalisti avevano ricevuto nuovi rifornimenti di munizioni, armi e velivoli dalla Germania. In più, l'accordo di Monaco aveva fatto svanire la possibilità di un intervento delle democrazie occidentali in aiuto della repubblica contro le forze di Germania nazista e Regno d'Italia. Infine, nel giugno 1938, la Terza Repubblica franceseaveva nuovamente chiuso la frontiera e congelato i beni repubblicani custoditi nelle sue banche.

    Nazionalisti

    All'inizio del dicembre 1938, i nazionalisti concentrarono un gruppo d'armate, l'Ejército del Norte, comprendente fra i 300.000 e i 340.000 uomini e guidato dal generale Fidel Dávila, con l'obiettivo di conquistare la Catalogna. I nazionalisti utilizzarono le migliori divisioni a loro disposizione, schierandole su tutto il fronte dai Pirenei al Mediterraneo. Lungo il Segre furono poste il Cuerpo de Ejército de Urgel, guidato da Agustín Muñoz Grandes, il Cuerpo de Ejército del Maestrazgo di Ra...

    Repubblicani

    Per fronteggiare l'attacco, i repubblicani disponevano dell'Ejército del Este del colonnello Sebastián Pozas Perea e dell'Ejército del Ebro del colonnello "Juan Modesto" (Juan Guilloto León), sotto il comando del generale Juan Hernández Saravia, comandante del Grupo de Ejércitos de la Región Oriental. Si stima che gli uomini totali fossero fra i 220.000 e i 300.000, molti dei quali privi di armi (secondo Hernández Saravia, l'armata repubblicana disponeva di soli 17.000 fucili per tutta la Cat...

    L'offensiva dei nazionalisti

    L'offensiva nazionalista era programmata per il 10 dicembre, ma fu posticipata al 23. In quel giorno, italiani e navarresi attraversarono il Segre presso Mequinenza, ruppero le linee repubblicane e avanzarono di 16 chilometri, ma il 25 dicembre furono fermati dal V e XV corpo repubblicano, guidati da Enrique Líster. Sul fianco sinistro, Muñoz Grandes e García Valiño avanzarono verso Cervera e Artesa, ma vennero bloccati dalla colonna di Buenaventura Durruti, della 26ª divisione repubblicana....

    La caduta di Barcellona

    Il governo repubblicano provò a organizzare la difesa della capitale, ordinando la mobilitazione di tutti gli uomini fino ai 45 anni di età e militarizzando l'industria. Ciononostante, le tre linee difensive (L1, L2 ed L3) caddero, e le forze repubblicane si ritrovarono in grave inferiorità numerica (il rapporto di forze era di 1:6), mentre l'aviazione nazionalista eseguiva quotidiani bombardamenti di Barcellona (40 raid fra il 21 e il 25 gennaio). Divenne chiaro che la difesa della città era...

    La ritirata

    Dopo l'occupazione di Barcelona, le truppe nazionaliste, stanche a causa delle lunghe marce, rallentarono l'avanzata. Presto però ripresero l'offensiva, inseguendo le colonne in ritirata di truppe e civili repubblicani. Il 1º febbraio, nell'ultima riunione delle Cortes, tenutasi nel Castello di Sant Ferran a Figueres, Negrín propose la capitolazione, con le sole condizioni che fossero risparmiate le vite degli sconfitti e indetto un plebiscito per consentire agli spagnoli di scegliere la form...

    Ripercussioni militari e politiche

    A seguito della sconfitta, la Repubblica perse la seconda più grande città della Spagna, l'industria bellica catalana e gran parte della sua armata (più di 200.000 soldati). Il 27 febbraio, Azaña si dimise; nello stesso giorno, Francia e Regno Unito riconobbero il governo di Franco.Un'ulteriore resistenza militare divenne impossibile e la guerra divenne di fatto perduta per la Repubblica, malgrado questa controllasse ancora il 30% del territorio spagnolo e il primo ministro insistesse sulla p...

    Il destino dei rifugiati repubblicani

    Gli esuli repubblicani furono internati dal governo francese in quindici campi di concentramento improvvisati (perlopiù recinti di filo spinato su sabbia, senza ripari, sanitari né strumenti per cuocere il cibo). Esempi di campi simili furono quelli di Argelès, Gurs, Rivesaltes e Vernet. Le condizioni di vita nei campi erano molto dure. Nei primi sei mesi, 14.672 profughi morirono di malnutrizione o dissenteria. Il governo francese incoraggiò i rifugiati a ritornare, sicché, alla fine del 193...

    Onorificenze

    I seguenti combattenti ricevettero la medaglia d'oro al valor militare per azioni compiute nell'offensiva: Carlo Bresciano, Giovanni Chiasserini, Mario Ricci, Giovanni Sorba. Ricevette la medaglia d'oro anche il capitano Antonio Callea, ucciso dai repubblicani per rappresaglia dopo la vittoria delle truppe nazionaliste.

    Antony Beevor, The Battle for Spain. The Spanish Civil War, 1936–1939. Penguin Books. 2006. London. ISBN 978-0-14-303765-1.
    Helen Graham, The Spanish Civil War: A Very Short Introduction. Oxford University Press. 2005. ISBN 978-0-19-280377-1.
    Gabriel Jackson, The Spanish Republic and the Civil War, 1931–1939. Princeton University Press. 1967. Princeton. ISBN 978-0-691-00757-1.
    Paul Preston, Doves of War: Four Women of Spain. Harper Collins. London. 2002. ISBN 978-0-00-638694-0.
    • 23 dicembre 1938 – 10 febbraio 1939
    • Spagna nordorientale
    • Decisiva vittoria dei nazionalisti
  8. Referendum sull'indipendenza della Catalogna del 2017 - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Referendum_sull&
    • Storia
    • Quesito Referendario
    • Voci Correlate
    • Altri Progetti
    • Collegamenti Esterni

    Iniziativa

    Il parlamento catalano ha deciso di tenere un nuovo referendum sull'indipendenza dopo la precedente consultazione del 2014 e dopo le dichiarazioni del governo centrale spagnolosu tale consultazione come un processo di partecipazione popolare non vincolante e la sua opposizione ad altre iniziative analoghe. Il 9 giugno 2017 il presidente della Generalitat de Catalunya, Carles Puigdemont, ha annunciato che il referendum si sarebbe tenuto il 1º ottobre dello stesso anno e che la domanda sulla sc...

    Reazioni del governo e delle istituzioni spagnole

    Il 7 settembre 2017 il Tribunale costituzionale ha sospeso il referendum e le norme correlate, accogliendo così il ricorso d'urgenza presentato dal governo spagnolo presieduto da Mariano Rajoy che chiedeva l'annullamento per incostituzionalità della legge regionale catalana che ha istituito il referendum. A questa sentenza si è aggiunto l'intervento della Procura Generale (Fiscalía), che ha denunciato per i reati di disobbedienza e prevaricazione Puigdemont e tutti i membri dell'Ufficio di pr...

    Reazioni internazionali

    Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ha espresso una posizione contraria al referendum, sostenendo che "qualsiasi atto contrario alla Costituzione di uno Stato membro [dell'Unione] è un atto contrario all'Unione europea". Tajani ha aggiunto anche che un'eventuale Catalogna indipendente, in quanto nuovo Stato, sarebbe fuori dall'Unione europeae dovrebbe ricominciare da zero tutto l'iter di adesione previsto per gli stati non membri. Per quanto riguarda la Commissione europea, il...

    Il quesito posto dal referendum, secondo l'articolo 4 della legge regionale catalana istitutiva del referendum,è stato: Gli elettori potevano votare Sì o No. La legge regionale catalana prevedeva che, in caso di vittoria del Sì, il Parlamento della Catalogna procedesse con la dichiarazione formale di indipendenza, e che invece, in caso di vittoria del No, venissero convocate elezioni anticipate per rinnovare il Parlamento stesso.

    Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su referendum sull'indipendenza della Catalogna del 2017

    (CA) Referèndum 2017, Generalitat de Catalunya (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2017).

  9. Lingua catalana - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Lingua_catalana
    • Storia
    • Diffusione attuale
    • Fonetica
    • Grammatica Catalana
    • Voci Correlate
    • Altri Progetti
    • Collegamenti Esterni

    In età medievale il catalano antico (a volte impropriamente indicato come limosino, confondendolo con un dialetto dell'occitano) era la lingua ufficiale della cancelleria d'Aragona e lingua di cultura della corte, prima da sola, poi, con l'avvento della dinastia castigliana dei Trastámara, insieme allo spagnolo. Con l'arrivo dei Borgia alla Sede Romana (Callisto III e il nipote Alessandro VI), anche lì il catalano diventò lingua di uso cortigiano. Anche i primi iberici che arrivarono in Sardegna erano di madrelingua catalana; dagli inizi del Quattrocento fino a tutta la prima metà del XVII secolo, insieme al latino, il catalano si impose in tutta l'isola come lingua dell'amministrazione e del diritto, e ad Alghero, colonia genovese fondata dai Doria, una volta svuotata dai suoi abitanti e ripopolata da famiglie catalane, si iniziò a parlare fin dalla seconda metà del XIV secolo. Ebbe grande influenza sul sardo (che continuò ad essere la principale lingua d'uso in Sardegna), soprattu...

    Attualmente, il catalano è lingua ufficiale: 1. nel principato di Andorra, dove è l'unica lingua ufficiale; 2. in Spagna: 2.1. Catalogna, lingua ufficiale assieme allo spagnolo e all'occitano; 2.2. Comunità Valenciana, lingua ufficiale, nella sua variante valenciana, assieme allo spagnolo; 2.3. Isole Baleari, lingua ufficiale, nella sua variante maiorchina, insieme allo spagnolo.

    Introduzione generale

    Le principali caratteristiche foneticheo ortografiche sono: 1. la pronuncia di a ed e atone come vocale neutra [ə] (ma nell'ortografia vengono scritte a oppure e, secondo la pronuncia delle varianti occidentali) 2. la pronuncia di o atona come [u](ma viene comunque scritta "o", secondo la pronuncia delle varianti occidentali) 3. la presenza di [z] (s sonora) intervocalica, assente in spagnolo: casa [ˈkazə] 4. perdita della n finale dei nomi e aggettivi singolari, con aggiunta dell'accento sul...

    Pronuncia puntuale del catalano base

    La tabella indicante la pronuncia puntuale e completa del catalano si basa sulla varietà più prestigiosa, quella di Valencia, che non ha riduzioni di vocali non accentate. A questo si aggiunge che esistono più varietà di catalano, con differenze abbastanza marginali perlopiù in pronuncia e vocabolario (catalano valenciano, balearico, barcellonese/di Catalogna, andorrano, rossellonese/francese e algherese. Il catalano si parla infatti pure nel Principato di Andorra, a Rossiglione in Francia, A...

    Frasi esempio

    1. Catalano: Català /kətəˈla/ 2. Ciao: Ei /ˈej/, Ep /ˈep/ 3. Arrivederci: adéu /əˈðew/ (sing.); adéu-siau /əˈðewsiˈaw/ (pl.); a reveure /ərəˈβewrə/ 4. Per favore: si us plau /si(w)sˈplaw/ 5. Grazie: gràcies /ˈgɾasiəs/; mercès /mərˈsɛs/ 6. Mi scusi: perdó /pərˈðo/, Em sap greu /am'sáp greu/ 7. Questo: aquest /əˈkɛst/ (masc.); aquesta /əˈkɛstə/(fem.) 8. Quanto?: quant /ˈkwanˈ(t)/; Quanto costa?: quant (és/val/costa)? /ˈkwan(t)ˈes/ 9. Sì: sí /ˈsi/ 10. No: no /ˈno/ 11. Non lo capisco (a lui): No...

    I numeri

    1. 1: u / un (masc.) - una (fem.) 2. 2: dos (masc.) - dues (fem.) 3. 3: tres 4. 4: quatre 5. 5: cinc 6. 6: sis 7. 7: set 8. 8: vuit 9. 9: nou 10. 10: deu

    Wikipedia ha un'edizione in lingua catalana (ca.wikipedia.org)
    Wikibooks contiene testi o manuali sulla lingua catalana
    Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su lingua catalana
    Wikivoyage contiene informazioni turistiche su lingua catalana
    (EN) Lingua catalana, su Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc.
    (EN) Lingua catalana, su Ethnologue: Languages of the World, Ethnologue.
    (CA, EN, ES) Institut d'Estudis Catalans, su iec.cat.
    (CA) Acadèmia Valenciana de la Llengua, su avl.gva.es.
    • 10 milioni circa, di cui circa metà madrelingua
    • Alfabeto latino