Yahoo Italia Ricerca nel Web

  1. Circa 146.000 risultati di ricerca

  1. it.wikipedia.org › wiki › Lingua_grecaLingua greca - Wikipedia

    La lingua greca è un ramo indipendente della famiglia delle lingue indoeuropee, nativa della Grecia e altre parti del Mediterraneo dell'est e del Mar Nero. Ha la più lunga storia documentata - circa 34 secoli - di ogni altra lingua indoeuropea vivente. Al 2022, è parlata da 13,3 milioni di parlanti totali. Il suo sistema di scrittura è stato l'alfabeto greco per la maggior parte della sua storia; altri sistemi, come la lineare B e il sillabario cipriota, sono stati usati ...

  2. Il greco moderno, neoellenico o neogreco è l'ultimo stadio del processo evolutivo della lingua greca, attualmente parlata da circa 15,5 milioni di persone, soprattutto in Grecia e a Cipro. Convenzionalmente e in modo simbolico, si comincia a parlare di greco moderno a partire dalla caduta dell'Impero bizantino, nel 1453. Per molto di questo tempo la lingua è esistita in una forma di diglossia, con vari dialetti parlati a livello locale e regionale coesistenti con forme arcaiche ...

    • 15,5 milioni
    • SVO
    • Storia
    • Dialetti
    • Fonologia
    • Grammatica
    • Sistema Di Scrittura
    • Bibliografia
    • Altri Progetti
    • Collegamenti Esterni

    La forma più arcaica di greco che ci sia nota attraverso la scrittura è il miceneo, la lingua parlata dalle classi dominanti nei centri palaziali della civiltà micenea; altre forme di greco, di cui alcune in parte note attraverso testimonianze, coesistevano accanto al miceneo. Alla fine del II millennio a.C. questa lingua regredì a causa del crollo...

    La lingua greca antica (in greco: Αρχαία ελληνική γλώσσα; in greco antico Ἑλληνική γλῶσσα) è una lingua flessiva a elevato grado di sinteticità, di origine indoeuropea, i cui dialetti erano parlati nell'antica Grecia, nelle isole dell'Egeo e nelle colonie greche sulle coste del Mediterraneo orientale e occidentale. Il greco antico è una lingua di g...

    La fonetica greca si distingue da quella delle lingue indoeuropeemoderne. Le sue caratteristiche sono: 1. La natura dell'accento, che è musicale e non tonica. Esistono tre accenti nella prosodia del greco antico: accento acuto, grave e circonflesso; 2. La presenza di dittonghi, caratterizzati dall'incontro di una vocale aperta o semi-aperta, lunga ...

    Il greco, come molte altre lingue indoeuropee, è una lingua flessiva. È fortemente arcaica nella conservazione delle forme dell'indoeuropeo. La flessione nominale contempla 1. Cinque casi: nominativo, genitivo, dativo, accusativo e vocativo; 2. Tre generi: maschile, femminile e neutro; 3. Tre numeri: singolare, duale e plurale. La flessione verbale...

    L'alfabeto greco è formato da 24 lettere: La scrittura greca antica non è tuttavia quella oggi utilizzata per riportare i testi greci. La distinzione tra lettera maiuscole e minuscole, ad esempio, non si può far risalire a prima del Medioevo, mentre un sistema di accentazione completo risale all'XI secolo. Così la nostra lettera "S" corrispondeva s...

    Didattica

    1. Dino Pieraccioni, Morfologia storica della lingua greca, D'Anna, Messina-Firenze, 1975. 2. Dino Pieraccioni, Grammatica greca, Firenze, 1976. 3. Carmelo Restifo, Nuovo corso di greco, vol. 1 Grammatica, Firenze, Le Monnier, 2001 4. Angelo Cardinale, I Greci e noi, Ferraro, Napoli, 1990. 5. Pierangelo Agazzi, Massimo Vilardo, Ἑλληνιστί - Grammatica della lingua greca, Zanichelli, 2002. 6. Carlo Campanini, Paolo Scaglietti, Greco - terza edizione, vol. Grammatica descrittiva, Sansoniper la s...

    Saggistica

    1. Maria Libera Garabo, Il greco antico, Carocci, 1º gennaio 2008, ISBN 9788843046362, OCLC 635803761. 2. Monique Trédé, Piccole lezioni sul greco antico, Il melangolo, 1º gennaio 2009, ISBN 9788870187489, OCLC 800521690. (edizione originale (FR) Petites leçons sur le grec ancien, Editions Stock, 2008.) 3. Barry P. Powell, Omero, Bologna, il Mulino, 2004.

    Wikiquote contiene citazioni sul greco antico
    Wikibooks contiene testi o manuali sul greco antico
    Wikiversità contiene risorse sul greco antico
    Wikimedia Commons contiene immagini o altri file sul greco antico
    (EN) Lingua greca antica, su Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc.
    (EN) Lingua greca antica, su Ethnologue: Languages of the World, Ethnologue.
  3. La metrica della poesia greca classica era basata su schemi di sillabe brevi e lunghe e questo ci fornisce informazioni sulla quantità di alcune vocali non esplicitata dalla grafia. Dal IV sec. a.C. la poesia era normalmente scritta con una metrica a base accentuativa, suggerendo che la percezione della quantità si era persa in quel periodo e che l'accento intensivo aveva sostituito l'accento musicale.

    • θέσις, τάσις, δασύς "posizione, stiramento, ruvido"
    • χώρα, κόρη, ἀγορά "terra, ragazza, adunanza/piazza"
    • ἔφη, ἔπη, ἔβη "disse, parole, andò"
    • Discussioni Prerivoluzionarie
    • La Lingua Del Nuovo Stato
    • Primi Passi Verso Una Rivalutazione Del Demotico
    • IL Risorgimento Del Demotico
    • L'impatto Di Psycharis
    • IL Cambio Di secolo: Anni Di Conflitto
    • IL Demoticismo Nell'istruzione E Nelle Riforme

    La discussione iniziò alla fine del XVIII secolo: da un lato, Eugenios Voulgaris, Lambros Photiadis e Neophytos Doukas, proponenti una lingua più arcaica; dall'altro, gli studenti di Voulgaris Iosipos Moisiodax e Dimitrios Katartzis, che invece proponevano una lingua più semplice. A favore della lingua arcaizzante si schieravano i fanarioti, una cl...

    L'adozione della katharevousa

    Durante la guerra, le pubblicazioni e il dibattito intellettuale si rarefecero, ma nel 1830 si era arrivati ad un informale consenso sulla scelta di una lingua scritta unificata basata sulla versione di Korais della katharevousa: "... l'ideologia classico-romantica del nuovo stato emerso [dalla guerra] non poteva permettersi l'uso di un greco parlato "volgare"; pose in uso invece la soluzione compromissoria promossa da Korais, come misura provvisoria finché il greco antico fosse completamente...

    Le speranze sulla lingua greca negli anni 1830

    Ad Atene, la nuova capitale, ora che la katharevousa era stata accettata per gli usi ufficiali, la gran parte delle speranze sul futuro erano indirizzate verso la "correzione" e la "nobilitazione" del parlare corrente: al di fuori delle Isole ioniche, (che entreranno nello Stato greco solo nel 1864), in pochissimi pensavano al demotico come lingua per lo Stato. Si riconosceva comunque che, qualora il demotico fosse stato adottato come lingua, esso avrebbe alienato milioni di non grecofoni ort...

    La controversia di Soutsos, 1853

    Nei decenni successivi, tuttavia, la katharevousa divenne sempre più arcaica, in quanto gli scrittori introducevano caratteri del greco antico (come il dativo nella flessione nominale) che non erano presenti nella versione di Korais. A questo erano spinti, in parte, per la ricerca di correttezza e coerenza interna. Per esempio, Korais aveva usato preposizioni tratte dal greco antico quando possibile, per esempio πρό + genitivo per "prima", al posto del demotico πρὶν ἀπό. Ma non aveva potuto u...

    Gli inizi nelle Isole Ioniche

    Le Isole Ioniche entrarono a far parte dello Stato greco solo dal 1864; culturalmente erano rimaste periferiche, e ciò fu forse una delle ragioni per cui furono le ospiti dei primi movimenti demoticisti. Se l'Antica Scuola Ateniese di letteratura si era concentrata sulla katharevousa fin dagli anni trenta, nelle Isole la Scuola Eptanesiaca aveva una tradizione di poesia demotica legata a Dionysios Solomos. Nel 1850 Antonios Manousos pubblicò la prima raccolta di canzoni popolari greche: Canti...

    La poesia "nazionale" di Valaoritis

    Nei vent'anni successivi gli atteggiamenti si distesero pian piano: in particolare Aristotelis Valaoritis, poeta ionico e parlamentare, scrisse opere che contribuirono notevolmente all'accettazione del demotico come lingua poetica. Da parlamentare degli Stati Uniti delle Isole Ionie, era divenuto famoso per i propri componimenti, appassionatamente patriottici, scritti in un demotico vigoroso, con dialoghi drammatici e uno stile che ricalcava quello delle canzoni popolari. Nel 1857, in anni in...

    Konemenos e la Questione della lingua

    Nel 1873 Nikolaos Konemenos (cresciuto nelle Isole), ruppe questa convenzione con la pubblicazione di Το ζήτημα της γλώσσας (La questione della lingua). Scrivendo in una prosa demotica fluente, Konemenos creò una sorta di manifesto demoticista, sostenendo che la lingua parlata dovesse divenire la base della lingua nazionale anche scritta. Scrisse che "la lingua è un mezzo, non un fine", e che essa va giudicata sulla sua effettiva capacità di veicolare i significati e le emozioni. Volgarità e...

    La generazione del 1880: la poesia si converte al demotico

    La Generazione del 1880, chiamata anche Nuova scuola ateniese, debuttò nel 1880 con la pubblicazione della prima raccolta di poesie di Georgios Drosinis Nikos Kampás. In contrasto con la vecchia scuola, quella della poesia di Soutsos e dei suoi contemporanei, che aveva usato una katharevousa sempre più arcaica, queste nuove opere erano soprattutto in demotico; la successiva raccolta di Drosinis, Idilli (1884), si ispirava a temi desunti dalla tradizione popolare grazie ai lavori di laografia....

    L'insoddisfazione per la katharevousa nella prosa narrativa

    Benché la poesia venisse passo a passo conquistata al demotico, la prosa narrativa negli anni '80 dell'800 rimaneva pressoché interamente scritta in katharevousa. I tre principali romanzieri del tempo, Alexandros Papadiamantis, Georgios Vizyinos e Emmanouil Roïdis, erano maestri di stile della katharevousa. Ma mentre altre prose potevano essere interamente in katharevousa, i romanzi necessitavano di un po' di demotico, perlomeno per avere dei dialoghi realistici. i tre autori affrontarono que...

    La controversia di Kontos

    Nel 1882 il filologo classico Konstantinos Kontos, professore all'Università d'Atene, pubblicò Osservazioni linguistiche sul greco moderno, una raccolta di duecento osservazioni in cui notava errori grammaticali e oscillazioni semantiche nelle opere di autori da Voulgaris in poi, tra cui Korais, Doukas e Asopios. Korais stesso aveva inteso la katharevousacome una sorta di sottoprodotto del greco antico, che obbedisse alle sue regole (con qualche compromesso). Kontos tuttavia dimostrò che pers...

    Il mio viaggio

    La pubblicazione nel 1888 di Il mio viaggio di Ioannis Psycharis segnò una rottura con il precedente andamento della discussione della questione linguistica. Benché Psycharis fosse un importante linguista, appartenente al mondo accademico, Il mio viaggio fu scritto interamente in demotico; egli chiedeva a viva voce l'immediato abbandono della katharevousa e l'adozione del demotico per tutti gli usi scritti. A quel tempo Psycharis era assistente del professore di greco all'École spéciale des L...

    La visione di Psycharis della katharevousa e della sua fonologia

    Per quanto riguarda la katharevousa, Psycharis la riteneva una costruzione artificiale, una distrazione o una deviazione dal normale corso della lingua. Essendo stata assemblata da una selezione (più o meno arbitraria) di caratteristiche del greco antico, non aveva una naturale coerenza interna che potesse essere oggetto di studio scientifico; perciò non c'era alcun metodo rigoroso per determinare la correttezza o la scorrettezza di un certo costrutto. Sottolineò anzi come spesso, non avendo...

    Il demotico di Il mio viaggio

    Il mio viaggioera la prima opera in prosa di una certa lunghezza scritta interamente in demotico. Tuttavia, la narrazione era in prima persona: non dava perciò la stessa impressione di novità che avrebbe avuto uno scritto ufficiale redatto in demotico. Era insomma tutto sommato abbastanza prossimo ai canoni del tempo per essere ampiamente diffuso. La lingua era basata su una mistura deregionalizzata di forme prese dal demotico parlato ad Atene e a Costantinopoli (ma non da quello delle Isole...

    Nel lungo termine, l'umiliazione del 1897 nero risultò una scossa positiva per il movimento demoticista: negli anni a seguire la classe dirigente si diede a varie riforme e il sentimento diffuso era basato sull'idea che la nazione non potesse vivere del passato, ma dovesse costruirsi un nuovo futuro. Questo portò nuovi sostenitori al movimento demo...

    Fotiadis e La questione linguistica

    Nel 1902 Fotis Fotiadis, che era medico personale del sultano ottomano (e perciò abbastanza al sicuro da arrischiarsi in controversie) aveva pubblicato La questione linguistica e il nostro risorgimento educativo: era il primo libro a ragionare di riforme dell'istruzione basate sul demotico. Sostenne che per un bambino greco era più facile imparare una qualsiasi lingua straniera piuttosto che la katharevousa: richiese che il demotico fosse posto come lingua ufficiale dello Stato greco, e così...

    La Società Linguistica Nazionale

    Fotiadis non era da solo. Nel 1904 fu fondata la Società Linguistica Nazionale per promuovere il demotico nell'istruzione e nella vita pubblica. All'incontro inaugurale, il poeta Kostis Palamas tenne un memorabile confronto tra le versioni purista e demotica della semplice frase "Mio padre morì". Mentre il demotico "πέθανε ο πατέρας μου" si radica nel cuore, nella vera essenza di qualcuno, il katharevusiano "ἀπέθανεν ὁ ἐμὸς πατήρ" è come un vestito che può essere messo da parte. Il demotico "...

    Skliros e il dibattito sul Noumás

    Nel 1907 Georgios Skliros pubblicò La nostra questione sociale, il primo manifesto marxistain greco. Sostenendo che l'élite al potere non volesse promuovere il demotico per tenere il popolo nell'ignoranza, sosteneva l'idea di una rivoluzione "dal basso" anche per la questione linguistica (mentre la maggior parte dei demoticisti sperava in, e spingeva per, una riforma guidata dall'alto). Quest'opera fu significativa non solo per l'aver introdotto la "questione di classe" nella questione lingui...

  4. Portale della lingua Greca antica Benvenuto al Portale del greco antico di Wikipedia in lingua italiana. Questo portale è stato pensato come pagina di riferimento per chi è interessato alla lingua greca antica. Da qui puoi accedere facilmente alle voci e alle sezioni di maggiore interesse. Fonetica Alfabeto greco Storia dell'alfabeto greco