Yahoo Italia Ricerca nel Web

  1. Circa 558.000 risultati di ricerca

  1. La Contessa palatina Maria Sofia Elisabetta di Neuburg ( Schloß Benrath, 6 agosto 1666 – Lisbona, 4 agosto 1699) fu Regina di Portogallo, come seconda moglie di Pietro II, dal 1687 fino alla sua morte nel 1699. Indice 1 Biografia 2 Matrimonio 3 Morte 4 Ascendenza 5 Titolo, trattamento, onorificenze e stemma 5.1 Titolo e trattamento 6 Note

  2. La Contessa palatina Maria Sofia Elisabetta di Neuburg fu Regina di Portogallo, come seconda moglie di Pietro II, dal 1687 fino alla sua morte nel 1699. For faster navigation, this Iframe is preloading the Wikiwand page for Maria Sofia del Palatinato-Neuburg .

  3. Nata il 4 ottobre 1841 nel castello di Possenhofen, in Baviera, Maria Sofia Amalia era la terza figlia del duca Massimiliano Giuseppe in Baviera e della principessa Ludovica di Baviera, quest'ultima figlia di Massimiliano I, re di Baviera, era quindi sorella della ben più nota Elisabetta "Sissi", imperatrice d'Austria.

    • Biografia
    • in Letteratura
    • Nel Cinema
    • Collegamenti Esterni

    Maria Anna era la dodicesima figlia dell'elettore palatino del Reno, Filippo Guglielmo di Neuburg, e di sua moglie Elisabetta Amalia di Assia-Darmstadt. Fu cresciuta con le sue sorelle nel castello di Neuburgin Germania. Nel 1689, Maria Luisa d'Orléans, prima moglie del re Carlo II di Spagna morì, e i ministri spagnoli dovevano rapidamente trovargl...

    Maria di Neuburg è uno dei personaggi principali del dramma romantico Ruy Blas (1838) di Victor Hugo, che la raffigura come una giovane regina infelice, trascurata dal re consorte, e amata senza speranza dal servitore Ruy Blas, di cui ella ignora la vera identità, e che anzi eleva col tempo, per stima e riconoscenza, ai più alti ranghi della corte,...

    Il dramma di Victor Hugo ha anche ispirato la commedia La Folie des grandeurs, realizzata per il cinema dal francese Gérard Oury nel 1971, dove il personaggio della regina di Spagna è interpretato da Karin Schubert.

    (ES) Maria Anna del Palatinato-Neuburg, in Diccionario biográfico español, Real Academia de la Historia.

    • Biografia
    • Discendenza
    • Ascendenza
    • Titoli nobiliari
    • Bibliografia

    Gioventù

    Sofia nacque nel 1630 presso il casino di caccia di Rhenen, non lontano da L'Aia, nei Paesi Bassi, dove suo padre si trovava in esilio dopo la sconfitta subita nella battaglia della Montagna Bianca; era la più giovane delle cinque figlie e la dodicesima degli eredi dell'elettore palatino Federico V e di Elisabetta Stuart, nata principessa d'Inghilterra e figlia di re Giacomo I. Sofia crebbe a Leidafinché, nel 1641, non fece ritorno alla corte materna a L'Aia. Sofia era una ragazza molto colta...

    Elettrice di Hannover e la passione per la cultura

    Sofia sposò il 30 settembre 1658 a Heidelberg il principe Ernesto Augusto di Brunswick-Lüneburg, che, nel 1692 venne elevato al rango di principe elettore di Hannover; gli elettori erano dei principi tedeschi con il diritto di voto alle elezioni dell'imperatore del Sacro Romano Impero. Ernesto Augusto era un cugino di secondo grado della madre di Sofia, Elisabetta, in quanto entrambi erano pronipoti e discendenti di Cristiano III di Danimarca. Negli anni alla corte di Hannover, Sofia divenne...

    La passione per i giardini

    Dal 1664 al 1665, Sofia compì un lungo grand tourin Italia dove ebbe modo di vedere molte ville e giardini dell'epoca, riportando poi queste esperienze in patria e favorendo con queste conoscenze il prestigio e l'ascesa sociale del marito. Nel suo nuovo ruolo di elettrice di Brunswick-Lüneburg, infatti, Sofia si occupò direttamente della progettazione della residenza estiva della sua famiglia a Hannover, il castello di Herrenhausen, spesso lasciata libera di fare ciò che credeva dal principe...

    Sofia del Palatinato ed Ernesto Augusto di Brunswick-Lüneburgebbero insieme diversi figli. I figli che raggiunsero l'età adulta furono i seguenti: 1. Giorgio Luigi (1660-1727), divenne sovrano di Gran Bretagna col nome di Giorgio I, sposò Sofia Dorotea di Celle 2. Federico Augusto (1661-1691), generale imperiale, morto in battaglia 3. Massimiliano ...

    Per via materna, Sofia fu una lontana parente non solo degli Stuart d'Inghilterra, ma anche dei Tudor; la bisnonna materna, Maria Stuart, era una pronipote di re Enrico VIII d'Inghilterra, proprio da Maria Stuart era discendente di Margherita Tudor figlia di Enrico VII e sorella di Enrico VIII.

    14 ottobre 1630 – 30 settembre 1658: Sua Altezza SerenissimaPrincipessa Sofia del Palatinato
    30 settembre 1658 – 18 dicembre 1679: Sua Altezza SerenissimaDuchessa Ernesto Augusto di Brunswick-Lüneburg
    18 dicembre 1679 – ottobre 1692: Sua Altezza SerenissimaLa Duchessa di Brunswick-Lüneburg
    ottobre 1692 – 23 gennaio 1698: Sua Altezza SerenissimaL'Elettrice di Hannover
    Peter Burschel, "J’avais le plaisir de me voir comparée à tous les astres". Gelebte Räume in den Memoiren der Kurfürstin Sophie von Hannover, in Claudia Ulbrich, Hans Medick, Angelika Schaser (a cu...
    Karin Feuerstein-Praßer: Sophie von Hannover (1630–1714). "Wenn es die Frau Kurfürstin nicht gäbe ...", Ratisbona, Pustet, 2004, ISBN 3-7917-1867-3.
    Johnathan I. Israel, Radical Enlightenment, Oxford, Oxford University Press, 2001, p. 84
    Petra Widmer, Die Gartenkunst im Leben der Kurfürstin Sophie von Hannover (1630–1714)in "Die Gartenkunst"  12 (2/2000), p. 167–178.
    • Sofia, contessa Palatina di Simmern
    • 19 dicembre 1692 –, 23 gennaio 1698
  4. Dorotea Sofia del Palatinato-Neuburg (Neuburg an der Donau, 5 luglio 1670 – Parma, 15 settembre 1748) nata contessa palatina di Neuburg, divenne principessa ereditaria di Parma e Piacenza in virtù del suo matrimonio con Odoardo Farnese. Dopo la morte di lui, si risposò con Francesco I Farnese e divenne duchessa di Parma e Piacenza.

  5. Elisabetta Augusta Sofia del Palatinato-Neuburg (Brzeg, 17 marzo 1693 – Mannheim, 30 gennaio 1728) fu l'unica figlia che sopravvisse al padre Carlo III Filippo, elettore palatino (la madre era Ludwika Karolina Radziwiłł). I suoi figli sarebbero stati indiscutibilmente eredi dell'Elettorato, ma morirono tutti in giovane età.