Yahoo Italia Ricerca nel Web

  1. Circa 94.600 risultati di ricerca

  1. Elisabetta di Meissen, Burgravine di Norimberga (22 novembre 1329-21 aprile 1375) era la figlia di Federico II, margravio di Meissen e Mathilde di Baviera e un membro di Casa di Wettin. Matrimonio e figli. Lei è nata in Wartburg. Il 7 settembre 1356, all'età di ventisei anni, si sposò Federico V, Burgrave di Norimberga nel Jena.

  2. 27 nov 2021 · Elisabetta (1358 - 26 luglio 1411, Heidelberg), sposò ad Amberg nel 1374 Roberto di Germania. Beatrice (ca. 1362, Norimberga - 10 giugno 1414 , Perchtoldsdorf ), sposò a Vienna nel 1375 il duca Alberto III d'Austria

  3. 13 ore fa · Fabbrica Imperiale di Porcellana, 1904 Dominio pubblico Nel 1747 ottenne i primi campioni di successo e nel 1756 creò un servizio di porcellana per le cene di gala dell’imperatrice...

  4. Firma. Alberto III di Brandeburgo, spesso conosciuto col nome di Alberto Achille ( Tangermünde, 9 novembre 1414 – Francoforte sul Meno, 11 marzo 1486 ), della casata Hohenzollern, fu principe elettore di Brandeburgo e regnò anche sul principato di Ansbach. Ricevette il soprannome di Achilles per le sue riconosciute doti cavalleresche.

  5. I pittori di Meissen riuscirono ad imitare perfettamente dal punto di vista stilistico e tecnico anche gli originali cinesi, come ad esempio la decorazione nella tipologia a smalto della “famiglia verde” e della “famiglia rossa”, a tal punto che gli stessi intenditori possono incorrere in difficoltà nel distinguere le copie.

  6. 20 ott 2022 · Elisabetta Farnese voleva far sposare Carlo con una principessa asburgica e in un primo momento aveva pensato a Maria Teresa d’Austria. L’alleanza matrimoniale con gli Asburgo però fallì e Elisabetta pensò a un’alleanza con i Borbone di Francia, cercando di far sposare il figlio con Luisa Elisabetta di Borbone, figlia di Luigi XV.

  7. La coppia reale fece il suo ingresso a Napoli il 4 luglio in un clima di euforia generale. All’anonimo cronista non sfuggì il loro atteggiamento gioioso, segno che M. piaceva al consorte per le affinità caratteriali: tanto che divenne inseparabile compagna nelle partite di caccia, oltre che nelle cerimonie religiose.