Yahoo Italia Ricerca nel Web

Risultati di ricerca

  1. Polissena Sforza (Mortara, 1428 – Rimini, 1º giugno 1449) era figlia di Francesco Sforza e dell'amante Giovanna d'Acquapendente, detta la colombina, che fu legata allo Sforza per 17 anni dandogli cinque figli. Polissena era il nome della prima moglie di Francesco, Polissena Ruffo, morta nel 1420.

  2. Polissena Sforza (1428 – June 1, 1449) was an Italian noblewoman and wife of the Lord of Rimini. She was the daughter of the condottiero Francesco Sforza, the future Duke of Milan, and Giovanna d'Acquapendente, his mistress, with whom he had five children.

  3. Polissena Sforza ( Mortara, 1428 – Rimini, 1º giugno 1449) era figlia di Francesco Sforza e dell'amante Giovanna d'Acquapendente, detta la colombina, che fu legata allo Sforza per 17 anni dandogli cinque figli. Fatti in breve Signora consorte di Rimini, In carica ... Chiudi.

  4. Almanacco quotidiano. Il primo di giugno del 1449 muore Polissena Sforza, seconda moglie di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Polissena era nata a Fermo nel 1428, figlia del (non ancora) duca di Milano Francesco Sforza e della sua amante Giovanna d’Acquapendente, detta La Colombina, che fu legata allo Sforza per 17 anni dandogli cinque figli.

  5. Sfòrza, Polissena. Enciclopedia on line. DAL VOCABOLARIO. LEMMI CORRELATI. Figlia naturale (n. 1428 - m. 1449) del duca di Milano Francesco I. Fu (1442) la seconda moglie del signore di Rimini, Sigismondo Pandolfo Malatesta. Sul marito grava l'accusa, non sufficientemente provata, di averne provocato la morte. CATEGORIE. biografie in storia.

  6. Ginevra morì nel 1440 e due anni dopo il marito si risposò con Polissena Sforza, figlia del futuro duca di Milano Francesco Sforza. Ginevra, e più tardi anche Polissena, venne sepolta nel mausoleo Tempio Malatestiano.

  7. Sfòrza, Polissena Figlia naturale (n. 1428 - m. 1449) del duca di Milano Francesco I. Fu (1442) la seconda moglie del signore di Rimini, Sigismondo Pandolfo Malatesta. Sul marito grava l'accusa, non sufficientemente provata, di averne provocato la morte