Yahoo Italia Ricerca nel Web

  1. Inclusi i risultati per

    Sofia Paleologa
    Cerca solo Sophia Paleologa

Risultati di ricerca

  1. Sofia Paleologa; Grande Principessa consorte di Mosca; In carica: 12 novembre 1472 – 7 aprile 1503: Predecessore: Maria di Tver' Successore: Solomonija Saburova Nascita: 1449/1455: Morte: 7 aprile 1503: Luogo di sepoltura: Convento dell'Ascensione, Mosca: Casa reale: Paleologi per nascita Rjurikidi per matrimonio Padre: Tommaso Paleologo ...

  2. Sophia Fominichna Palaiologina or Paleologue (Russian: София Фоминична Палеолог, romanized: Sofiya Fominichna Paleolog; born Zoe Palaiologina; Medieval Greek: Ζωή Παλαιολογίνα; c. 1449 – 7 April 1503) was a Byzantine princess from the Palaiologos imperial dynasty and the grand princess of Moscow ...

  3. Vedi anche le voci che iniziano con o contengono il titolo. Il nome di Sofia (o Sophia) Paleologa può riferirsi a: Sofia Paleologa (imperatrice bizantina), 1399-1437, Sofia Paleologa (Granduchessa di Mosca), 1455-1503. Categoria: Pagine di disambiguazione.

  4. SOFIA Paleologo, granduchessa di Mosca. Il granduca moscovita Ivan III Vasil′evič (1462-1505), dopo la morte della sua prima moglie, che apparteneva alla stirpe principesca di Tver, sposò la nipote di Costantino XII, ultimo imperatore di Bisanzio, Zoe, figlia del despota Tommaso di Morea. Zoe (nata nel 1448) era cresciuta a Roma, sotto la ...

  5. Sofia Paleologa. Grande Principessa consorte di Mosca. In carica. 12 novembre 1472 –. 7 aprile 1503. Predecessore. Maria di Tver'. Successore. Solomonija Saburova.

  6. Sofia Paleologa; Basilissa dei Romei; In carica: 21 luglio 1425 – agosto 1426: Predecessore: Elena Dragaš: Successore: Maria Comnena Nascita: Casale Monferrato, 1399: Morte: Torino, 21 agosto 1434: Padre: Teodoro II del Monferrato: Madre: Giovanna di Bar Consorte di: Giovanni VIII Paleologo

  7. LEMMI CORRELATI. Figlia (n. 1448 - m. 1503) di Tommaso Paleologo e nipote di Costantino XI, ultimo imperatore di Bisanzio, il suo nome originario era Zoe; crebbe a Roma sotto la tutela del card. Bessarione.