Yahoo Italia Ricerca nel Web

  1. Circa 542.000 risultati di ricerca

  1. Vittorio Emanuele Orlando è stato un politico, giurista e docente italiano. È noto per aver rappresentato l'Italia nella Conferenza di pace di Parigi del 1919 con il suo ministro degli esteri Sidney Sonnino a seguito della vittoria italiana al fianco della Triplice intesa contro gli Imperi centrali nella prima guerra mondiale, ruolo simbolico che gli valse l'appellativo di "Presidente della Vittoria". Nel 1946, dopo la fine della seconda guerra mondiale e della dittatura ...

  2. SCUOLA MEDIA VITTORIO EMANUELE PALERMO . Via Lussemburgo, 103 - 90146 PALERMO. Tel. 091 517873 / 6701971. Email: pamm03600n@istruzione.it - PEC: pamm03600n@pec ...

  3. ORLANDO, Vittorio Emanuele. – Nacque a Palermo il 19 maggio 1860, da Camillo, avvocato appartenente a una famiglia di antiche tradizioni forensi, e da Carmela Barabbino. Compiuti gli studi classici, si iscrisse alla facoltà giuridica palermitana nel 1877, nello stesso anno di Gaetano Mosca.

  4. Orlando, Vittorio Emanuele. Giurista e uomo politico italiano (Palermo 1860 - Roma 1952). Insigne giurista e politico italiano, ha insegnato diritto costituzionale e diritto amministrativo nelle univ. di Messina, di Modena, di Palermo, e di Roma.

  5. Vittorio Emanuele Orlando fu soprattutto un appassionato naturalista. Fu presidente regionale del WWF , direttore dell’Osservatorio Ornitologico Siciliano della Regione Siciliana, segretario della Società Siciliana di Scienze Naturali, consigliere della Società Italiana di Malacologia e socio di un gran numero di associazioni scientifiche italiane e straniere.

  6. Giulio Cianferotti ORLANDO, Vittorio Emanuele. – Nacque a Palermo il 19 maggio 1860, da Camillo, avvocato appartenente a una famiglia di antiche tradizioni forensi, e da Carmela Barabbino. Compiuti gli studi classici, si iscrisse alla facoltà giuridica palermitana nel 1877, nello stesso anno di Gaetano ...

  7. Orlando, Vittorio Emanuele Giurista e politico (Palermo 1860-Roma 1952). Professore di diritto in varie università, è considerato il fondatore della scuola italiana di diritto pubblico. Liberale, fu ministro della Pubblica istruzione (1903-05), di Grazia e giustizia (1907-09; 1914-16), dell’Interno (1916-17).