Yahoo Italia Ricerca nel Web

  1. Circa 133.000 risultati di ricerca

  1. Maurizio di Sassonia ( Freiberg, 21 marzo 1521 – Sievershausen, 11 luglio 1553) fu Duca di Sassonia ( 1541 –47) e successivamente principe elettore di Sassonia ( 1547 –53). La sua intelligente politica di alleanze accrebbe la linea albertina dei Wettin, guadagnandosi la dignità elettorale. Indice 1 Biografia 1.1 1521-1541: infanzia e giovinezza

  2. MAURIZIO elettore di Sassonia Walter Platzhoff Nacque il 21 marzo 1521 a Freiberg, primogenito del duca Enrico della linea albertina della casa Wettin; fino all'età di 16 anni fu educato alla corte del cardinale Alberto di Magonza nella religione cattolica, poi a Wittenberg, sotto le cure dell'elettore Giovanni Federico, nella religione evangelica.

  3. Nel 1422 Alberto III (1380 – 1422), duca e Principe Elettore di Sassonia-Wittenberg, appartenente alla dinastia degli Ascanidi morì senza lasciare eredi. La sua eredità politica andò, grazie al suo impegno nelle battaglie dell'Impero contro i boemi Hussiti, al margravio Federico IV di Maißen (1370 – 1428), della Casata di Wettin.

    • monarchia
    • Kurfürstentum Sachsen
    • tedesco
    • Dresda
    • I Primi Anni
    • Elettore Di Sassonia
    • Politica Religiosa
    • L'espansione Del Territorio
    • Gli Ultimi Anni

    Augusto nacque a Freiberg, figlio più giovane e terzo (ma secondo sopravvissuto) dei figli di Enrico IV di Sassonia e di Caterina di Meclemburgo. Egli proseguì la linea Albertina dei Wettin. Nato luterano, ricevette un'ottima educazione ed ebbe occasione di studiare all'Università di Lipsia. Quando il Duca Enrico morì nel 1541, egli ritenne che le ...

    La prima preoccupazione del nuovo elettore fu quella di precisare la sua posizione. Questo obbiettivo era stato assicurato da un trattato firmato a Naumburg nel febbraio 1554, quando, in cambio dei diritti su Altenburge altre terre, Giovanni Federico riconobbe Augusto come Elettore di Sassonia. L'Elettore, comunque, si sentì continuamente braccato ...

    L'ostilità tra Albertini ed Ernestini diede molti problemi ad Augusto. Un pretendente di nome Matthias Flacius pretese una posizione d'influenza sulla famiglia ducale. Costui cercò di ostacolare Augusto, spingendo il Duca Giovanni Federico a far valere i propri diritti sull'Elettorato di Sassonia. Associato a Flacius si trovava un cavaliere, Guglie...

    L'elettore trascorse gran parte del suo tempo nel tentativo di estendere i domini paterni. Nel 1573 divenne tutore di Giovanni Guglielmo di Sassonia-Weimar, e la sua capacità fu tale da consentirgli di annettere Henneberg all'Elettorato di Sassonia. La sua domanda di denaro, gli consentì di prendere il sopravvento sugli stati a lui vicini, e second...

    Il 1º ottobre 1585 l'Elettrice Anna morì. Tre mesi dopo, il 3 gennaio 1586, nella città di Dessau, Augusto si sposò in seconde nozze con Agnese Edvige, figlia del Principe Gioacchino Ernesto. La sposa era appena tredicenne; il marito, aveva quasi sessant'anni. Augusto morì un mese dopo questo suo nuovo matrimonio, e venne sepolto nella Cattedrale d...

  4. Cristiano I principe elettore di SassoniaSuccessore (Dresda 1560 - ivi 1591) di Augusto I. Di carattere debole, abbandonò le redini del governo nelle mani del cancelliere N. Crell, il quale sottrasse la Sassonia all'alleanza con gli Asburgo.

  5. Cristiano I principe elettore di Sassonia Successore (Dresda 1560 - ivi 1591) di Augusto I. Di carattere debole, abbandonò le redini del governo nelle mani del cancelliere N. Crell, il quale sottrasse la Sassonia all'alleanza con gli Asburgo. Di tendenze melantoniane, appoggiò i protestanti e i loro tentativi di costituire un'unione tra i principi ... principi elettori I principi che eleggevano l’imperatore del Sacro Romano Impero.

  6. Elettori e duchi di Sassonia Nel 1547 l'imperatore Carlo V sconfisse i protestanti della lega di Smalcalda nella Battaglia di Mühlberg . L'elettore Giovanni Federico di Sassonia, uno dei capi protestanti, venne arrestato per tradimento e privato della dignità elettorale, che l'imperatore trasferì al suo alleato Maurizio di Sassonia.